La solidarietà nutre i servizi Aucc e la ricerca di base

Venerdì pomeriggio, consegnato un assegno da parte dell’associazione “Se’ de J’Angeli se…”

Il presidente Caforio: “La battaglia contro il cancro si gioca in squadra”

Il professor Servillo: “Ecco a cosa serve la solidarietà: con la ricerca di base stiamo cercando di realizzare una carta di identità genica di ogni tumore”

Il viaggio della solidarietà ha fatto tappa, ieri, nella sede dell’Associazione Umbra per la lotta Contro il Cancro, a Perugia, dove l’associazione “Se’ de J’Angeli se…” ha donato un assegno all’Aucc, frutto di parte dei proventi dello spettacolo teatrale “Il 7° Viaggio”, andato in scena, nei mesi scorsi, al teatro Lyrick di Assisi, con la direzione artistica di Lamberto Bisogno, il patrocinio della Città di Assisi e in collaborazione con il Comitato Aucc di Assisi, la Pro Loco Santa Maria degli Angeli, l’Associazione Musicale Ascesi, Orto degli Aghi, il Punto Rosa, Compagnia IN Teatro, associazione EIRENE – Tante Voci per la Pace, Green Stage Radio e il Teatro Lyrick.

Il presidente di Aucc, professor avvocato Giuseppe Caforio ha ricevuto dalla presidente Daniela Apostolico l’assegno della solidarietà: “Quest’anno – ha detto la presidente – abbiamo battuto il record di presenze a teatro. La nostra associazione, da sempre, è improntata a sostenere le associazioni benefiche e siamo orgogliosi di donare questo assegno all’Aucc e ai servizi che eroga”.

La presidente ha, poi, annunciato che domenica 2 giugno verrà condiviso questo momento anche ad Assisi, presso il Palazzo del Capitano del Perdono, alle ore 18.30.

Il presidente Caforio, che si è detto “onorato di unire il nome Aucc a quello dell’associazione “Se’ de J’Angeli se…” con cui condividiamo importanti principi”, ha parlato del “difficile momento che sta vivendo la sanità” e della necessità che “i pazienti oncologici possano ricevere la migliore assistenza, anche grazie ai molteplici servizi Aucc”.

Ha quindi ringraziato quanti hanno reso possibile l’evento e anche il Comitato Aucc di Assisi.

Per il professor Giuseppe Servillo – che insieme alla dottoressa Maria Agnese della Fazia dell’Università di Perugia del dipartimento di Medicina e Chirurgia, co-responsabili del laboratorio di patologia generale – sono “indispensabili questi atti di solidarietà, perché consentono alla ricerca di base di proseguire l’attività”: “Stiamo cercando di creare una carta di identità genica di ogni tumore. L’obiettivo è entrare all’interno di ogni persona e di ogni cancro per personalizzare la cura”.

La presidente Apostolico ha sottolineato come “tutto ciò sia frutto di un importante lavoro di squadra”. Il successo dell’evento – è stato detto – attesta il carattere solidale delle nostre comunità, dimostrando come la battaglia contro il cancro non sia solo dei pazienti, ma di tutta la società.

Il presidente Caforio, infine, ha ribadito l’importanza “di ogni donazione, anche la più piccola, fondamentale per alimentare la fiaccola dei servizi Aucc e della ricerca”.

Il direttore artistico, Lamberto Bisogno ha parlato di “un bellissimo spettacolo volto alla solidarietà e alla valorizzazione delle risorse del territorio”.

All’incontro hanno preso parte Enzo Severini e Carmine Schiavone del Consiglio direttivo Aucc, la dottoressa Maria Agnese della Fazia e tanti volontari.

Altre notizie