POSTURAL YOGA TERAPY A DERUTA

Il comitato AUCC di Deruta ha attivato corsi gratuiti di postural yoga terapy e nordik wolking tenuti rispettivamente da Milva Ficola e Paola Pimpinelli, insegnanti e professioniste del settore.

Il progetto è rivolto alle donne e agli uomini in cura o post-cura oncologica con l’obiettivo di promuovere l’attività fisica. Lo sport infatti agisce sui sistemi metabolici dell’organismo e oggi ci sono dimostrazioni scientifiche del fatto che la pratica sportiva fa bene alla salute. Lo dicono anche i risultati degli studi epidemiologici che, almeno per alcuni tipi di tumore, mostrano un forte legame tra il cancro e la mancanza di esercizio fisico.

I corsi si terranno nei mesi di maggio e giugno del 2018. Per prenotazioni o informazioni è possibile contattare i numeri 3474613862 – 0759471425.

Il comitato Aucc di Deruta si è costituito nel 2016 e in poco tempo ha raggiunto grandi risultati in favore dei pazienti oncologici dell’Umbria. Dall’organizzazione di un importante convegno intitolato Il futuro dell’Oncologia in Umbria agli eventi benefici volti a finanziare i servizi gratuiti dell’AUCC.

Bando di concorso per 3 borse di studio per la RICERCA

ASSOCIAZIONE UMBRA PER LA LOTTA CONTRO IL CANCRO AVVISO

PROCEDURA COMPARATIVA PER N. 3 BORSE DI STUDIO

Il Presidente dell’AUCC

Si autorizza il conferimento di n. 3 borse di studio per lo svolgimento di attività di ricerca ai fini dello svolgimento del progetto dal titolo: Studio di nuovi geni coinvolti nei meccanismi di proliferazione cellulare (Responsabile Scientifico Dr. Giuseppe SERVILLO) finanziato dallAssociazione Umbra Contro il Cancro.

Art. 1

Oggetto procedura comparativa

È indetta la procedura comparativa preliminare, per titoli e colloquio, per la stipula di n. 3 borse di studio per attività di ricerca di supporto al progetto dal titolo: Studio di nuovi geni coinvolti nei meccanismi di proliferazione cellulare” (Responsabile Scientifico Dr. Giuseppe SERVILLO).

Le borse di studio avranno inizio il 01.01.2018 con termine il 31.12.2018.

Art. 2

Requisiti di partecipazione

Possono partecipare alla selezione di cui all’art. 1 del presente avviso coloro che, alla data di scadenza del termine di presentazione delle domande di partecipazione, di seguito indicato, siano in possesso dei seguenti requisiti:

  1. Laurea Magistrale, Specialistica in Medicina e Chirurgia, Scienze Biologiche, Farmacia, Chimica e Tecnologia del Farmaco e Biotecnologie o affini;

  2. Maturata e documentata esperienza di almeno 5 anni nel campo della Biologia ed Oncologia Molecolare;

  3. Buona Conoscenza scritta e parlata della lingua inglese;

  4. Ottime conoscenze informatiche e dei più diffusi software di office automation;

Il candidato che non dichiari nella domanda, nelle forme indicate il possesso dei requisiti e dei titoli richiesti per la partecipazione alla selezione, si intende automaticamente escluso, senza alcun onere di comunicazione da parte di questa Amministrazione.

Scarica il bando

Per quali organi servono gli screening oncologici

Gli studi

Da CORRIERE DELLA SERA del 12-3-2017

Gli screening oncologici sono stati messi a punto e convalidati su milioni di persone in tutto il mondo: possono scoprire la presenza di lesioni precancerose o di un tumore agli stadi iniziali, quando è più semplice da curare e le probabilità di guarire sono maggiori. A oggi i programmi di screening in Italia prevedono che tutte le donne tra i 50e i 69 anni ricevano ogni due anni una lettera d’invito dalla Asl a eseguire gratis la mammografia.

Inoltre, tutti i cittadini fra i 50 e i 70 hanno diritto, sempre biennalmente, a fare il test per la ricerca del sangue occulto nelle feci.

Infine, ogni tre anni per le donne tra i 25 e i 64 anni c’è il Pap test, che viene progressivamente sostituito dall’esame che va alla ricerca del Papillomavirus (Hpv), più efficace e da ripetere ogni cinque anni.

«L’utilità degli screening viene costantemente dimostrata da studi scientifici internazionali e da rigorose statistiche — dice Marco Zappa, direttore dell’Osservatorio Nazionale Screening (Ons), con sede presso l’Istituto per lo studio e la prevenzione oncologica di Firenze —. Come emerge anche dal nostro Rapporto 2016, fare regolarmente la mammografia riduce il rischio di morire per tumore della mammella del 40%. Eseguire il test per la ricerca del sangue occulto nelle feci diminuisce del 20% il pericolo di ammalarsi di carcinoma colo-rettale e del 40% quello di morirne. Effettuare il Pap test fa calare del 60-70% la probabilità di un cancro della cervice, e con il test per la ricerca dell’Hpv questa protezione cresce ulteriormente».

Sebbene i tumori siano fra le malattie che incutono più paura, i calcoli dell’Ons mostrano che ben la metà degli italiani invitati agli screening rifiuta quest’opportunità che permetterebbe persino d’individuare ed eliminare in anticipo anche quelle lesioni precancerose (di utero e colon, come polipi o adenomi) dalle quali insorge la stragrande maggioranza delle neoplasie.

Molti non lo fanno per timore di scoprire qualcosa che non va, altri per pigrizia. C’è poi chi teme i possibili “effetti collaterali” dei programmi di diagnosi precoce. «Non ci sono controversie sull’utilità di Pap o Hpv test e neppure sulla ricerca del sangue occulto nelle feci — sottolinea Zappa —. Quanto alla mammografia, c’è chi sottolinea i potenziali svantaggi legati alle diagnosi in eccesso, ovvero alla scoperta di forme tumorali che senza l’esame non si sarebbero nel corso della vita mai manifestate (poco aggressive, che non causano la morte della persona e neppure altri problemi). Sulle sue capacità come mezzo di diagnosi precoce e nel ridurre la mortalità sono tutti sostanzialmente d’accordo. I pro superano i contro, tanto che questo esame viene usato in tutto il mondo, ma per migliorarlo stiamo studiando la tomosintesi, cioè la ricostruzione tridimensionale del seno, che sembra essere in grado di aumentare la sensibilità del test senza ampliare il numero di falsi positivi».

Oltre a questi esami, negli Stati Uniti si raccomanda la Tac spirale, uno strumento estremamente sensibile che individua lesioni e noduli polmonari anche molto piccoli, nei forti fumatori fra i 55 e gli 8o anni e nei forti ex fumatori che hanno smesso da meno di 15 anni. «Nel 2011 un grande studio americano ha evidenziato come questo test ripetuto una volta l’anno sia stato capace di ridurre la mortalità per cancro al polmone del 20 per cento — spiega Zappa —. La sovradiagnosi stimata è risultata abbastanza modesta. Se tra i possibili “contro” ci sono le radiazioni accumulate con il test, fra i dati a favore va ricordato che per la popolazione bersaglio (i forti fumatori) il rischio di morire per cancro polmonare è molto alto».

Di Vera Martinella

L’AUCC E LA PREVENZIONE NELLE SCUOLE

L’Associazione Umbra per la lotta Contro il Cancro onlus entra nelle scuole dell’Umbria con l’obiettivo di diffondere la cultura della prevenzione e promuovere nelle giovani generazioni le buone abitudini che tutelano la salute e il benessere psicofisico. Il progetto gode della preziosa collaborazione dell’Università e dell’Azienda Ospedaliera di Perugia.

Il primo incontro del progetto pilota si terrà giovedì 19 maggio alle ore 11 nelle aule dell’Istituto Comprensivo Dalmazio Birago di Passignano in provincia di Perugia.

Per l’occasione terrà una conferenza la Dottoressa Daniela Capezzali, Coordinatrice del Servizio Dietistico dell’Azienda Ospedaliera Perugia che illustrerà agli studenti delle classi 3A e 3C i cibi dannosi per l’organismo e le abitudini malsane che compromettono la salute.

Seguire la regola del cinque. – suggerisce la Dottoressa Capezzali – Cinque porzioni al giorno tra frutta e verdura di stagione, bere almeno cinque bicchieri di acqua al giorno, rispettare i cinque colori del benessere, ovvero variare la tipologia di frutta e verdura in base al colore dell’alimento e fare cinque pasti al giorno”.

La dottoressa Giuseppina Cerone, dirigente scolastico dell’istituto comprensivo Dalmazio Birago di Passignano si è dimostrata fin da subito sensibile alle tematiche proposte dai referenti dell’Aucc e ha accolto con entusiasmo l’iniziativa facendo diventare così l’istituto di Passignano il primo in Umbria ad aver accolto il progetto dell’Associazione Umbra per la lotta Contro il Cancro.

GIORNATA DELLA SALUTE

Giornata della Salute_Città della pieve 7 maggio 2016Sabato 7 maggio 2016 si terrà dalle ore 9.30 alle ore 18.00 a Città della Pieve la Giornata della Promozione della Salute.

Doffondere la cultura della prevenzione! E’ questo l’obiettivo principale dell’evento che propone un programma ricco di appuntamenti e iniziative interessanti.

La mattinata sarà dedicata all’informazione. Si terrà infatti il convegno La promozione della salute, un percorso che coinvolge tutti al quale interverrà anche Giuseppe Caforio, presidente dell’Associazione Umbra per la lotta Contro il Cancro onlus.

In programma visite, sceening e consulenze gratuite promosse dalla associazione regionali che si occupano di salute e servizi socio-sanitari.

Dalle 15.30 alle 17.00 passeggiata per le vie della città con tappe culturali con il progetto Piedibus del BenEssere!